Quello che non sapete di Michelle Hunziker

 

Michelle Hunziker raccontata dall’autobiografia non autorizzata di Roberto Simioli, dove è descritto un passato difficile da immaginare, un passato che coinvolge l’intera famiglia Hunziker e persino l’ex marito Eros Ramazzotti

Sempre sorridente, ironica, bellissima, perché siamo abituati a vederla così, con abiti da sogno, sul bancone di Striscia o in bikini. Eppure ci sarebbe un dietro le quinte difficile da immaginare, retroscena che raccontano un personaggio che noi assolutamente non conosciamo.

Queste le premesse dell’autobiografia non autorizzata, firmata Roberto Simioli, ex compagno della mamma di Michelle. Dodici anni vissuti sotto lo stesso tetto, che gli sono serviti per raccogliere foto inedite, documenti, scritti di ogni tipo, convogliati in questa autobiografia di circa 400 pagine.

Le premesse sono a dir poco sensazionali, come il rapporto con l’ex marito Eros Ramazzotti, che pare sia stato nei confronti della Hunziker di carattere violento, tanto da arrivare a picchiarla. Sul blog di Simioli, Ilcoraggiodellaverità, si racconta senza mezzi termini il passato di Michelle in maniera quasi ossessiva, le bugie sue e della madre, i rapporti con il fratello Harold, l’esistenza di un altro fratello di nome Andrea, avuto dal padre di Michelle a seguito di una relazione parallela, il coinvolgimento di lei nella setta “I guerrieri della luce”.

Indipendentemente dalla veridicità o meno di questo libro, è inquietante soltanto immaginare ad una vita così burrascosa e travagliata come quella descritta da Simioli riguardo Michelle, una vita che non potremmo mai immaginare se nessuno la raccontasse, una vita che va oltre quello schermo che proietta immagini in movimento e colorate. Ma che, forse, poi così colorate non sono.

 

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>