Emma Watson tinge il cane di rosa e gli animalisti insorgono

Stramba scelta quella dell’attrice Emma Watson che ha deciso di colorare di rosa il suo cagnolino, provocando centinaia di proteste da parte degli animalisti che proprio non hanno gradito la sua scelta da fashion addicted.

Emma Watson, la secchiona di Harry Potter, l’ha combinata davvero grossa. L’attrice è stata infatti sorpresa dai fotografi del Daily Mail all’uscita del suo centro estetico preferito. Per l’occasione, però, il suo curatore d’immagine non ha dovuto dedicarsi all’abbellimento della star, quanto piuttosto a rendere il suo cane di un colore singolare: il rosa. Il pelo del cagnolino di Emma, infatti, è stato completamente tinto in una strana tonalità di “pink bubblegum” e, contento e indisturbato, si è lasciato ammirare insieme alla sua singolare e coraggiosa padrona, sfoggiando una mise che più particolare non sarebbe stato possibile.

Gli animalisti, però, non hanno gradito la novità. Preoccupati per le condizioni di salute del cagnolino, hanno espresso le loro vive proteste al centro estetico che si è occupato della toeletta dell’animale. Il gestore del centro si è difeso, spiegando che per colorare il pelo del cagnolino di Emma sarebbe stato usato un colorante assolutamente innocuo per la sua pelle, scelto apposta perché l’animale non passasse inosservato. Della stessa idea anche i difensori di Emma che da sempre attenta al look – fu eletta come la donna meglio vestita del 2011 – avrebbe scelto di rendere indimenticabile anche il suo adorato cagnolino senza tuttavia perpetrare nei suoi confronti alcuna ingiustizia. L’animale, infatti, non potrà certamente accorgersi del cambiamento. Gli animalisti restano comunque poco convinti sebbene la bella Watson abbia scelto di fare orecchie da mercante: è il suo cane, a patto che non gli sia fatto del male, sceglie da sola in che modo presentarlo in pubblico.
Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>